Crea sito

Come aprire una porta blindata

Oggi giorno, le porte blindate sono sempre più usate a causa della loro robustezza, ma adesso vediamo come procedere per aprirla.

Anche le porte blindate hanno pregi e difetti ed in questo articolo ti insegnerò a sfruttare un difetto che ti permetterà di aprire con facilità una porta blindata, ma prima un po di nozioni al riguardo.

Struttura di una porta blindata

La struttura di una porta blindata è generalmente composta da un telaio in acciaio rivestito da delle lastre di metallo, il tutto rivestito a sua volta da un pannello o pellicola generalmente in plastica, che ha solo uno scopo estetico.

Questa struttura così robusta è molto pesante ed il suo scopo è di impedire a qualcuno di sfondarla.

Serrature utilizzate

Nella maggior parte delle porte blindate, viene usata una serratura a doppia mappa, in quanto questo tipo di serrature sono difficili da aprire con un trapano o simili, però si può trovare anche altri tipi di serrature.

I pro

I vantaggi di una porta blindata sono sicuramente molti, sia per la sua durata nel tempo che per la sua sicurezza in caso che qualcuno tenti di romperla.

Come abbiamo visto sopra, le porte blindate sono state costruite per essere il più possibile invulnerabili a qualcuno che cerca di aprirla con l’utilizzo di attrezzi di distruzione come: trapani, martelli, piede di porco, ecc. , ed anche con attrezzi più avanzati specifici per il taglio del metallo, richiederebbe del tempo e molto rumore.

I contro

Oltre a tanti pregi, le porte blindate se non chiuse adeguatamente, hanno anche dei difetti che permettono di essere aperte con estrema facilità.

Il difetto che sfrutteremo in questo articolo, riguarda una fessura che ti permette di aprire la porta blindata, questo difetto è causato dal fatto che a causa del suo spessore, deve mantenere un piccolo spazio per potersi chiudere e non andare a sbattere sulla cornice della porta stessa.

Come aprire la porta blindata

Per aprire la porta blindata sfruttando questo difetto, ti occorre un qualcosa di piatto, flessibile e robusto, come ad esempio una tessera, delle lastre mediche, o qualunque foglio in plastica abbastanza robusto e flessibile.

La tessera verrà inserita nella fessura della porta all’altezza del perno mobile che tiene chiusa la porta senza mandate (detto scrocco), spingendo la tessera andrà a premere sullo scrocco, che a sua volta arretrerà lasciando libera l’apertura della porta.

come aprire la porta con la tessera
come aprire la porta con la tessera

Consigli utili

Un consiglio utile per trovare una tessera di plastica adatta, è quello di assicurarsi che sia sufficientemente flessibile, in quanto per raggiungere lo scrocco in generale deve fare un percorso ad L, quindi se troppo rigida si spezzerà ma se è troppo morbida si piegherà quando deve spingere lo scrocco diventando inefficace.

Un altro consiglio utile è di inserire la tessera partendo da un angolo, così da passare meglio dalla fessura e piegandosi con più facilità.

P.S.: evita di usare tessere che ti servono come: tessera sanitaria, carta di identità, patente, carta di credito, ecc. , dato che quasi sicuramente la tessera viene danneggiata gravemente, dalla piegatura e dall’eventuale attrito.

Eventuali problematiche

Ci sono dei casi in cui questa tecnica diventa difficoltosa da eseguire o inefficace.

Tra le difficoltà che puoi trovare sono presenti delle paratie aggiuntive posizionate davanti alla fessura, che ti impediranno di inserire con facilità la scheda.

Inoltre come ho scritto sopra, questa tecnica funziona solo se la porta non è chiusa adeguatamente, difatti se la porta è chiusa con le mandate, anche se lo scrocco viene tirato indietro la porta non sarà comunque libera di aprirsi e dovrai agire dalla serratura, in tal caso ti consiglio di andare a leggere l’articolo “ come scassinare e aprire una serratura a doppia mappa ” .

Altre problematiche puoi trovarle nell’inserire la tessera a causa di un eccessivo attrito, troppo poco spazio per far passare la tessera, maggiori curvature che la tessera deve fare prima di raggiungere lo scrocco o la presenza di piccoli scalini presenti nella fessura sulla quale la tessera andrà a sbattere impedendogli di raggiungere lo scrocco.

Soluzione alla presenza di scalini

Se nel passaggio sono presenti scalini dopo la curvatura, è possibile scavalcarli inserendo altre tessere, cercando di pareggiare il passaggio con gli scalini facendo così proseguire il percorso alla prima scheda (il tutto se c’è abbastanza spazio per inserirle).

In conclusione

In conclusione abbiamo visto che utilizzando questa tecnica, è possibile aprire una porta blindata a patto che non sia chiusa con le mandate, questa tecnica per aprire una porta blindata, assomiglia alla tecnica descritta nell’articolo ” come aprire un lucchetto ” .
Per quanto riguarda la parte legale di questa tecnica, ti consiglio di leggere l’articolo ” legge sul lockpicking ” .